a salire, la maggior parte dei rifiuti nell'oceano viene trasportata dai fiumi che trasportano rifiuti e inquinamento umano dalla terra al mare, ma le origini dei detriti galleggianti nelle zone al largo non sono state completamente comprese, un recente studio pubblicato su Scientific Reports ha individuato un'importante fonte di spazzatura: l'industria della pesca. Secondo un'analisi della spazzatura raccolta dal progetto no-profit Ocean Cleanup, tra il 75 e l'86 percento della plastica che galleggia nel Great Pacific Garbage Patch proviene da attività di pesca e acquacoltura. Le principali nazioni di pesca industrializzate, tra cui Giappone, Cina, Corea del Sud, Stati Uniti, Taiwan e Canada, sono i principali contributori degli scarti della pesca, questi risultati evidenziano il contributo delle nazioni della pesca industriale a questo problema globale, afferma Laurent Lebreton, autore principale dello studio e capo della ricerca presso Ocean Cleanup. Il Great Pacific Garbage Patch, una regione grande il doppio del Texas tra la costa occidentale del Nord America e il Giappone, è uno dei numerosi punti nell'oceano dove si accumulano i rifiuti in maniera maggiore, creati da correnti rotanti, o vortici, ogni vortice agita e schiaccia la plastica in minuscoli frammenti non degradabili che sono difficili da individuare e raccogliere con le moderne macchine che si usano per la pulizia dei mari e degli oceani. Reti di plancton vengono utilizzate per raccogliere queste microplastiche, spesso di dimensioni non superiori a 5 millimetri, afferma Lebreton, ma al momento è impossibile fare una pulizia accurata. Dal 2018, Ocean Cleanup lavora per rimuovere i detriti più grandi meno comuni, tipo taniche, cassette, boe, ecc. che a volte possono essere identificati anche ad occhio nudo. Il team utilizza navi che tirano una lunga barriera a forma di U attraverso l'acqua, catturando la plastica e i rifiuti, questo sistema ci ha fornito un'opportunità unica per studiare oggetti di plastica più grandi che non erano al centro di precedenti ricerchePlastica, afferma Lebreton. Ocean Cleanup ha raccolto più di 6.000 oggetti di plastica più grandi di 5 centimetri (la soglia per i detriti di grandi dimensioni), sebbene un terzo della raccolta non fosse identificabile, il team di ricerca ha raccolto scatole di pesce, distanziatori di ostriche, trappole per anguille, questi attrezzi da pesca e acquacoltura erano il secondo tipo più comune di plastica dura raccolta, costituendo il 26% del totale raccolto. La pesca ha adottato la plastica per la sua leggerezza e i costi di produzione economici, senza considerare che quelle plastiche possono resistere per decenni negli ambienti naturali come l'oceano  o il mare. Abbiamo trovato una boa da pesca risalente agli anni '60 e una cassa degli anni '70, afferma Lebreton, osservando che l'industria della pesca si è espansa solo dal secolo scorso, ora si pesca più in della metà della superficie dell'oceano, aumentando le possibilità che gli attrezzi da pesca vengano persi, scartati o abbandonati nell'oceano. I detriti nel Great Pacific Garbage Patch sono aumentati in concentrazione e dimensioni, secondo uno studio del 2020 dell'organizzazione, ciò suggerirebbe che la situazione sta peggiorando, in quanto la produzione di plastica negli ultimi due decenni è aumentata esponenzialmente, afferma Lebreton. Il progetto Ocean Cleanup ha l'obiettivo ambizioso di rimuovere il 90 percento dei rifiuti di plastica marini entro il 2040, dall'anno scorso, il sistema aggiornato del team ha raccolto oltre 100.000 chilogrammi di plastica galleggiante nell'oceano; tuttavia, i biologi marini hanno espresso scetticismo sull'efficienza di tali sforzi di pulizia e hanno sollevato serie preoccupazioni che queste tecniche potrebbero danneggiare la fauna selvatica. Lebreton afferma che gli sforzi dell'organizzazione non profit non è una soluzione permanente, il modo migliore per ridurre i rifiuti di plastica nei mari e negli oceani è fermarli alla fonte, le tecnologie di pulizia possono aiutare a individuare la causa e l'origine dell'inquinamento per regolamentare la gestione dei rifiuti plastici, e ciò potrebbe includere anche la regolamentazione dell'uso dei pescherecci con metologie green per la gestione dei loro rifiuti. Confido che rendere visibile l'inquinamento [attraverso la pulizia] abbia un impatto significativo sulla consapevolezza e anche sulla comprensione generale del problema, continua Lebreton, la documentazione dell'inquinamento da plastica galleggiante dovrebbe svolgere un ruolo nella progettazione di strategie di mitigazione e la sensibilizzazione del pubblico in generale può aiutare a spingere la legislazione”.