si rechi in ospedale per determinare il suo stato di salute, tutto questo è gestito da una unità centralizzata che utilizza una rete distribuita per controllare le informazioni. In un primo white paper pubblicato dal Sutardja Center for Entrepreneurship & Technology dell'Università della California Berkeley, gli autori spiegano che la blockchain è essenzialmente un database distribuito di record o registro pubblico di tutte le transazioni o eventi digitali che sono stati eseguiti e condivisi tra le parti partecipanti, ogni transazione nel libro mastro pubblico è verificata dal consenso della maggioranza dei partecipanti al sistema, e, una volta inserite, le informazioni non possono mai essere cancellate, l'utilizzo più popolare della blockchain finora è stata la famosa criptovaluta Bitcoin, che è una versione decentralizzata della valuta digitale. I fautori della tecnologia postulano che la blockchain rivoluzionerà il mondo in tutti i settori, rendendo lo scambio di dati e informazioni più facile, più affidabile e sicuro, sebbene alcuni settori stiano tentando di diventare i primi ad adottare questa tecnologia, altri sono cauti su come esattamente può essere utilizzata e stanno procedendo con cautela. In una presentazione alla fine dello scorso anno, il Dipartimento della salute e dei servizi umani (HHS) degli Stati Uniti ha discusso del potenziale della blockchain nel settore sanitario, il documento ha presentato molteplici potenziali esempi di casi per il suo utilizzo, che vanno dalla trasparenza della catena di approvvigionamento e dalla protezione dell'accesso alle cartelle cliniche, alla semplificazione della comunicazione con le compagnie assicurative e all'abilitazione ancora migliore delle capacità di monitoraggio remoto dei pazienti. Soprattutto per quanto riguarda i dati sanitari, gli appassionati di blockchain ritengono che la tecnologia possa fornire maggiore sicurezza e fedeltà rispetto alle soluzioni esistenti, un articolo pubblicato dal World Economic Forum spiega: le soluzioni basate su Blockchain per la documentazione sanitaria offrono tecniche di crittografia sicure che salvaguardano l'integrità delle informazioni degli individui quando comunicano con parti diverse, attraverso la tokenizzazione, i contratti intelligenti e le tecniche di crittografia coinvolte nelle transazioni di rete blockchain, il processo di pre-autorizzazione sarà notevolmente ridotto, consentendo ai pazienti di ricevere le cure necessarie e informate in modo più efficiente, ciò sarà dovuto al fatto che l'operatore sanitario sarà in grado di accedere rapidamente alle informazioni pertinenti, quando in precedenza dipendevano dal paziente o da file inviati fisicamente per posta o e-mail da fonti disparate, come medici locali, laboratori, ecc, altri attori che vorrebbero applicare questa tecnologia sono molto cauti, e dichiarano che la blockchain non è ben compresa dalle masse, creando scetticismo e riluttanza da parte di molti nell'applicare la tecnologia a qualcosa di così critico come l'infrastruttura sanitaria, inoltre, i casi d'uso della blockchain, sebbene in crescita, sono ancora limitati ed è palese che la base di questa tecnologia in sé non è nuova di zecca, infatti, come spiegato dalla presentazione HHS, le prime forme di teoria blockchain sono state presentate negli anni '80, con iterazioni della tecnologia moderna che hanno preso forma in modo più definitivo negli ultimi due decenni. Inutile dire che le informazioni e i dati sanitari sono attesi da tempo per l'innovazione, soprattutto in un mondo in cui le minacce alla sicurezza informatica e la fedeltà dei dati sono costantemente in discussione in effetti, è probabile che la tecnologia blockchain sia applicata in futuro, ma gli innovatori, i leader politici e appassionati di tecnologia dovranno escogitare dei modi per applicare questa tecnologia all'assistenza sanitaria in modo sicuro, responsabile e incentrato sul paziente.